La Toscana è una regione che mostra situazioni contrastanti nell’ambito del Web. Nonostante vi siano molti bacini industriali importanti, e non tutti necessariamente nei centri più importanti (pensiamo al settore calzaturiero di Monsummano Terme, al conciario di Santa Croce Sull’Arno, al vivaismo di Pistoia e Pescia), molte piccole e medie industrie toscane sono ancora riluttanti a fare i primi passi in Internet.

Altre ditte, invece, dopo un ingresso in Internet “Perché comunque bisognava andarci” senza risultati, dovuto a scelte iniziali sbagliate, sono refrattarie a qualsiasi ricerca di nuove strade, aggiornamenti o innovazioni in terra di web.

La creazione di Siti Internet per le Aziende richiede di immedesimarsi nella realtà e nei prodotti o servizi trattati dal Cliente.
Questa è forse la parte più difficile, quella che non si può imparare in nessun libro o frequentando costosi corsi.
Passare da un settore all’altro, mentre diversi lavori sono in corso contemporaneamente è affascinante, interessante e impegnativo allo stesso tempo.
E’ soltanto grazie al rapporto di fiducia che si instaura col Cliente, e al suo coinvolgimento in questo nuovo progetto che si può arrivare a presentare l’Azienda ed il suo settore in maniera completa, semplice e soprattutto convincente.

La Toscana e le sue aziende, in generale, non stanno passando momenti particolarmente floridi al momento. Tuttavia, quelle imprese che hanno diversificato i propri investimenti pubblicitari, bassi o alti che siano, e hanno dirottato una parte del budget promozionale verso la Rete, si sono confrontati con possibilità nuove che restano totalmente precluse alle ditte che ancora considerano Internet come un tabù che non si conosce, e per questo non potrà dare risultati, oppure un tabù che non potrà dare risultati perché non lo si conosce, giratela come volete.

E’ proprio di ieri la situazione che mi si è presentata incontrando un cliente nel settore dei serramenti per il quale stiamo facendo una campagna di posizionamento sui motori di ricerca. Ci siamo incontrati per fare il punto della situazione, e nel corso del colloquio il titolare della ditta mi ha chiesto:

“Cos’altro potremmo fare per far andare sempre più avanti questo sito?”

E io ho risposto:

“Beh, lasciamo da parte per il momento il posizionamento puro, che sta già andando bene… Orientiamoci verso il social marketing, e pensiamo a fare qualche video intervista da pubblicare su YouTube, oltre che sul sito, e ad aprire un canale su Facebook, e a farlo vivere. Non posso parlarti ogni volta della solita minestra!“.



Richiedi informazioni

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio

Accetto il trattamento dei dati (vedi testo privacy)